giovedì 9 maggio 2013

III GF "Le valli del Serchio" - Pappiana (PI)

Prima i numeri: 450 iscritti, 310 partenti, 270 arrivati, 40 tornati indietro viste le cattive condizioni meteo. E svariati che non hanno nemmeno preso il via.

Dal punto di vista prettamente numerico, manifestazione che fa più iscritti della prova d'esordio a Madonna dell'acqua, quindi gran bel successo e vetrina importante per il "Memorial Rota" ed il "Campionato Toscano di Cicloturismo". E tutto questo nonostante il paventato rischio di piogge.
Piogge. O meglio, nubifragi.
Che hanno investito tutti quanti dalle 8, ora del via, fino al termine delle fatiche degli ultimi arrivati del percorso lungo.
E sorge una domanda: era necessario? Poteva essere eliminato almeno il percorso più impegnativo, con alcune discese difficoltose? Doveva per forza essere anticipato di 10 minuti il via? O poteva essere posticipato di 30 minuti per valutare l'evolversi della situazione? Alle 8 in punto già pioveva, sebbene non con intensità. Le risposte sono diverse a seconda dell'interpellato, certamente gli organizzatori hanno fatto il meglio possibile, però purtroppo un ciclista è finito in ospedale a causa di un'incidente con una vettura, quasi certamente dovuto alla scarsa visibilità.
Per completezza: nonostante il brutto colpo il poveretto è già a casa in via di guarigione, qualche tempo a riposo ma tornerà con più passione di prima!

Noi abbiamo fatto un piccolo sunto ma prima di fare qualsivoglia considerazione dobbiamo fare i complimenti a tutto il Pappiana Bike 2010 organizzatore dell'evento: è mancato solo il sole per rendere questa giornata memorabile. Ma se continuate così sarà sempre un piacere per noi alzarci la mattina per venire a trovarvi!
Ed anche a chi, si è sciroppato 130 km sotto l'acqua. Non sappiamo bene il motivo che a spinto i 63 temerari a farlo (immaginiamo le classifiche individuali, però), ma siamo certi che ci sia voluto ben più di un po' di coraggio.

Considerazioni: a parere nostro c'erano le condizioni per, perlomeno, rimandare il via, e pure per eliminare il percorso più lungo di modo da non rendere ancora più difficoltosa la giornata dei partecipanti. C'è però da dire che a Pappiana anche l'anno scorso aveva piovuto, e qualcuno si sarà sentito un po' frustrato per dover mortificare ancora uno dei percorsi più interessanti del panorama cicloturistico. Comprendiamo, non abbiamo mai avuto l'occasione di affrontare un simile problema e non possiamo immaginare cosa possa accadere. Speriamo solo accada il più raramente possibile.

Ma veniamo ai protagonisti, i ciclisti: nonostante si parli di cicloturismo, troppe persone devono ancora immedesimarsi nel clima dei raduni a cui prendono parte. Il lunedì dobbiamo (quasi) tutti andare al lavoro, e sinceramente quando ascoltiamo i racconti di chi è caduto, di chi ha visto cadere davanti a se un fulmine, di chi aveva le braccia tremanti in discesa; di chi, in piena grafagnana, si è sciroppato 50, 70, persino 90 km in solitario... non siamo contenti.
Signori e signore, ciclisti e cicliste, amici ed amiche: godetevi un po' di più quel che accade attorno a voi, trovate il tempo per una battuta o un saluto, e sopratutto non abbiate fretta. Godetevi il panorama, sempre e comunque. E se vi aspettano a casa per le 12.30 della domenica, non mettete fretta a chi si occupa delle operazioni di partenza... fate qualche km in meno, oppure fate aspettare coloro che han fretta. E dategli una lezione di "cicloturismo" ;)

Prossimi appuntamenti (tutti al mare!):

12 maggio - III GF Costa livornese - Org. Lonzi Metalli
19 maggio - III GF Colline livornesi - Org. Cral ASA

Portate il costume, alle 14 tutti a Quercianella!

Nessun commento:

Posta un commento