giovedì 20 giugno 2013

Giro delle Cerbaie: l'eccellenza sulla propria pelle!

Dopo quasi due mesi di attese, di richieste da ogni parte della regione, di domande e lamentele su quanto si sarebbe dovuto attendere per pote rindossare il completino "Giro delle Cerbaie"... l'attesa è terminata! :)

Prima però, lasciateci raccontare la nascita del completino, e ringraziare alcune persone. Dapprima Lorenzo Nigi (ci perdoni se ti nominiamo pubblicamente?), che ci ha "imboccato" l'idea del materiale tecnico e ci ha presentato alla seconda persona da ringraziare, Gianpaolo Parentini.
Quest'uomo si è dimostrato sin da subito interessato alla nostra idea di valorizzazione del territorio e delle sue aziende, e ci ha aperto le sue porte nonostante il blasone del marchio e le evidenti incertezze sul nostro progetto.
Abbiamo quindi pensato ad un disegno accattivante e lo abbiamo affidato ad un'altra persona da ringraziare, Luca Bellisario. Ha sopportato in silenzio le nostre angherie: questo non va bene, questo così, quello cosà.
E per giunta il primo risultato ci è stato bocciato da Gianpaolo: c'erano molte cose da migliorare e da cambiare.
Abbiamo quindi riadattato il disegno, lo abbiamo reso più "turistico" (la toscana sullo sfondo, la cartina con le città principali, il simpaticissimo cinghialotto in bicicletta sul dorso) ed abbiamo avuto l'ok sia da Gianpaolo che dalla divisione grafica. In una sola settimana di attesa i 4 completini di prova erano pronti per essere indossati.

Adesso passiamo però alle specifiche tecniche: inutile dire che il marchio Parentini è una delle eccellenze italiane in fatto di materiale tecnico, sebbene la sua popolarità non raggiunga i picchi di altre ditte.
Il maglificio ubicato a Capanne (PI) è da oltre 30 anni sinonimo di qualità ed efficienza, e nel tempo ha associato il suo nome a grandi nomi del ciclismo professionistico, uno su tutti Giuseppe Saronni, mentre ad oggi le principali sponsorizzazioni Parentini sono: la nazionale danese di ciclismo su pista, nazionale russa maschile e femminile, team RusVelo, Settimana internazionale di Coppi e Bartali, Giro del Trentino. E molte altre, con le quali non vi annoiamo.
Se girate in rete non troverete moltissimi commenti, ma il 99% di essi è più che positivo al riguardo dei prodotti Parentini, giudicati universalmente di ottima qualità e di prezzo adeguato.
Ed è per noi importante che questo livello di eccellenza accompagni il nome della nostra manifestazione e delle ditte che hanno piacere di associarsi al nostro evento.

Il completo che abbiamo deciso di proporre è il top della gamma del maglificio sportivo toscano, ed è composto da:

-Maglia a manica corta Elastic Carbon Rapid Dry, tre tasche posteriori in carbonio, elastico siliconato antiscivolo, zip a scomparsa 50 cm, banda elastica fondo manica con filato aggrappante tessuto all'interno.
-Pantaloncino Lycra Performer Power anatimico, retro in tessuto elasticizzato a rete, banda elastica fondo gamba con filato aggrappante tessuto all'interno, fondello HTDIECI "long distance" elastic (con possibilità di scegliere anche il fondello FLOU S10 elastic, più adatto alla pratica saltuaria).

Ulteriori e più esaustive spiegazioni le troverete sul sito Parentini!

Prezzi!
Il prezzo per il completo (maglia + pantaloncino) è di 95,00€.
Il prezzo della sola maglia o del solo pantaloncino è di 49,00€.
Siamo però interessati non solo a proporre un prodotto di altissima qualità ad un prezzo che non si trova in giro, ma a farvi partecipare alla nostra giornata di festa il prossimo 22 settembre.
Quindi come offerta proponiamo il pacchetto completino + iscrizione alla manifestazione al prezzo di 95,00€ tutto compreso! Ovvero non pagate l'iscrizione se acquistate il nostro completino! :)

Se avete già avuto a che fare con prodotti tecnici di pregio, avrete già capito che questi prezzi sono un'offerta incredibile e che durerà per non più di 15 giorni, visto che complice il mese di agosto in cui la ditta resterà chiusa, per avere i completini entro il giorno della nostra manifestazione (il prossimo 22 settembre) sarà necessario prenotarli al più presto!
La e-mail di riferimento è sempre la stessa: girodellecerbaie@gmail.com, chiedete anche se avete dubbi su qualsiasi cosa!

lunedì 17 giugno 2013

Il weekend del 16 giugno lasciava scegliere tra mare o montagna ma...

Il fine settimana appena trascorso è stato baciato dal sole e dal caldo, con un cielo che non si mostrava così limpido da molte domeniche a questa parte.

Il gruppo dei cicloturisti toscani era diretto in massa a Scarperia (FI), dove prendeva il via la sesta edizione del Ciclotour Mugello, manifestazione cicloturistica che, per chi partiva dalle ore 7, prevedeva anche il passaggio all'interno dell'Autodromo omonimo ed il passaggio sulla diga di Bilancino, prima delle lunghe e faticose ascese ai passi appenninici della Futa, della Raticosa, del Paretaio e della Colla di Casaglia.

Al contempo, a San Vincenzo (LI), riprendeva vita una manifestazione cicloturistica scomparsa una decina di anni fa, ed organizzata dal UC San Vincenzo, dai richiami paesaggistici e altimetrici altrettanto interessanti.
A chi scrive questo articolo da dietro lo schermo, ed ha partecipato in passato alla prima e ieri alla seconda manifestazione, è saltato agli occhi che la bellezza dei due luoghi, così distanti, era ugualmente esagerata, e riempiva gli occhi ed il cuore di pura aria di natura incontaminata.

Partenza dal mare, e dopo pochi km risalita delle colline pisane, dapprima verso Castagneto Carducci, borgo caro all'infanzia del primo Nobel italiano per la letteratura, e poi verso Sassetta e Monteverdi, tra scenari che hanno rubato il cuore ad un coraggioso ciclista statunitense (che vinse un giro di 25 anni fa tra la neve ed il freddo), Andy Hampsten, che ha fatto di questa zona la sua nuova casa.
Dopo aver valicato i borghi di Serrazzano e Castelnuovo Val di Cecina, la strada ha proposto un passaggio ai piedi dell'Aia dei Diavoli, seconda cima più alta della provincia pisana (seconda solo al nostro amato monte Pisano), prima di sfondare nel grossetano per la discesa verso Monterotondo Marittimo e Suvereto.
Il forte vento contrario ha abbandonato i ciclisti solo sull'Aurelia, ai piedi di Campiglia Marittima, per gli ultimi km con un dente assassino che anticipava il ritorno a San Vincenzo.

Purtroppo, per quanto il percorso della manifestazione livornese non avesse avuto niente da invidiare a quello mugellano, è stato il confronto organizzativo a non reggere il confronto. E, sia chiaro, chi ancora vi scrive ha trovato esemplare la pazienza e la dedizione con la quale gli organizzatori si sono dedicati agli ultimi arrivati (sempre noi), sia lungo che al termine del percorso.
Ma, duole scriverlo però è così, per i 130 cicloturisti accorsi a San Vincenzo non è stata la stessa impressione: cartellonistica carente e troppo piccola, ristori inadeguati al numero di passanti con carenza di bibite che ha creato non pochi fastidi, ristoro all'arrivo scarso e senza organizzazione logistica adeguata.
Insomma, in parole povere una bocciatura organizzativa senza appello.

Però, dall'alto della nostra pur poca esperienza, consigliamo agli organizzatori di non lasciarsi demoralizzare o demonizzare i commenti dei cicloturisti: questi sono l'anima delle manifestazioni, e la loro soddisfazione la si può recuperare con una edizione futura setacciata da queste magagne.

Magari, proviamo a dare qualche consiglio spassionato, partendo da uno stabilimento balneare e convenzionandosi con esso per avere docce e spogliatoi, e magari una sdraio a prezzo di favore per chi vuol restare al mare dopo le fatiche in bici: e sicuramente facendo scorte abbondanti di necessario per i ristori. Crostate e schiacciatine spesso non bastano a far contenti cicloturisti "ingolositi" da ristori abbondanti come nel Mugello o nel Chianti ;)

giovedì 13 giugno 2013

Cieli e Terre Toscane 2013: classifiche ufficiose dopo la prima prova!

Dopo la prima prova del circuito, il Trittico del Serra, ecco le classifiche ufficiose (in attesa di quelle della Uisp) del Cieli e Terre Toscane 2013. Ad aggiudicarsi la prima tappa è stato il Team Cral Continental, seguito da Pappiana Bike e MDA. Per la rivincita, l'appuntamento è per il 14 Luglio con il Tour de Suisse!

Classifica società

Classifica atlete

Classifica atleti


Per richieste, lamentale o mancanze potete contattare lo staff alle mail girodellecerbaie@gmail.com oppure tritticodelserra@gmail.com

martedì 11 giugno 2013

Quanto fa tre per 300...

... una festa lunga una mattinata!

Prima i necessari trionfalismi: anche tra gli organizzatori stessi questa novità del rendere regolare il trittico, con la sequela di burocrazia e di costi aggiuntivi che sta dietro a situazioni come queste (niente di insormontabile, sia chiaro), e di continuare a tenerlo a costo 0 per tutti, poteva essere ed un repellente per i ciclisti più "selvaggi" ed un "soffocatore" della cassa. Per non parlare del disagio organizzativo di una "prima volta".

Ed invece, che grande gioia! Che spettacolo di colori e di rumori, e che partecipazione!

Ben 220 preiscrizioni, ed oltre 100 persone a volersi iscrivere la mattina stessa! E qualcuno che nonostante tutti i comunicati e le email, e non ci vorrà male se lo chiamiamo "duro", che non aveva il tesserino per iscriversi sul posto... ma è una festa per tutti, e allora via di corsa, dopo i necessari lavori di messa in sicurezza (frecciatura, cartelli di prudenza, discese pericolose e orari limite per i più indietro), a pedalare per questo monte che sembra capitato un po' per caso in mezzo a queste piane, e più poeticamente "per che i pisani veder Lucca non ponno".
Ed invece a Calci domenica mattina si vedevano tutti: pisani, lucchesi, livornesi, fiorentini, pistoiesi, pratesi, grossetani, massesi e carraresi, toscani di tutte le razze insomma... e poi liguri!, lombardi!, e non sto a continuare che non voglio riaprire la lista degli iscritti... oltre 300 anime, tutte con la stessa passione: la bici.
E di tutti questi, che hanno reso il monte Pisano una riserva naturale di ciclisti per un giorno, oltre 250 hanno avuto la forza (ma con tanta e tale compagnia parleremmo più di piacere) di scalare il Serra dai tre suoi versanti levigati dal bitume: Calci, impervia e dolce ed ancora impervia, con cambi di ritmo repentini e devastanti; Sant'Andrea, una lunga processione verso il cielo tra fatica e catarsi; Buti, dolce sofferenza finale anche per i meno allenati rinvigoriti dal profumo insapore delle antenne.

Quindi gloria per tutti, e peccato per chi non c'era, ci rivediamo a settembre/ottobre per gli esami di riparazione... nel frattempo il carrozzone va avanti: il 14 luglio venite a sfiancarvi al Tour de Suisse!

giovedì 6 giugno 2013

Il weekend del Trittico del Serra!

Lo ammettiamo, siamo un po' emozionati ed in fervida attesa.
La nostra amicizia, divenuta collaborazione, con i ragazzi del Trittico del Serra, è dapprima (l'anno passato) divenuta un minicriterium in 2 prove per i partecipanti, e da quest'anno un circuito cicloturistico in piena regola!

Il nostro "Cieli e Terre Toscane" è dunque al via, e dalle notizie che arrivano da chi si occupa delle preiscrizioni.. sarà una grande festa quella che vedrà i ciclisti impegnati alla triplice ascesa del Monte Serra di domenica prossima.

Siete quindi tutti invitati a partecipare, tra 3 giorni, ad un'evento che farà sudare, divertire e conoscere amici vicini e lontani con la stessa passione per la bici.

Per chi per vari motivi non potrà esserci, è pero importante sapere che ci saranno altre manifestazioni in toscana, e ve le elenchiamo con piacere:

-a Rosignano Marittimo (LI) la GF del Castello "Diego Ulissi" dedica il percorso corto ai cicloturisti, con un raduno valido per il campionato provinciale labronico
- a Prato un raduno organizzato dalla CDP Coiano valido per il campionato provinciale pratese, 3 percorsi per tutte le gambe: link!
- a Sieci (FI), raduno valido per il campionato provinciale fiorentino organizzato dalla Pol. Sieci, 2 percorsi di 85 e 50 km: link!

Sarà probabilmente il primo vero weekend primaverile da alcuni mesi a questa parte, approfittatene e fare una bella pedalata in compagnia!